Didattica e Formazione ReMida

materia tra luce e ombra

remida def

Il percorso formativo “Materia tra luce e ombra” si propone di offrire riflessioni ed esplorazioni per arricchire le proprie conoscenze sul dialogo tra i materiali di scarto e le diverse forme della luce e… quindi anche dell’ombra. Gli incontri saranno condotti da ReMida e da Macinapepe e prevedono un intreccio tra relazioni multimediali e laboratori teorico-pratici durante i quali i partecipanti saranno coinvolti in attività di co-progettazione per la realizzazione di percorsi “luminosi” da realizzare poi all’interno dei propri contesti educativi, scolastici e ricreativi.

PROGRAMMA
Il percorso si svolgerà in 4 incontri della durata di 3 ore ciascuno, dalle 9.30 alle 12.30 per un totale di 12 ore.

LA MATERIA DELLA LUCE a cura di ReMida Bologna_Terre d’Acqua La luce è un materiale impalpabile ed invisibile ma è una materia viva, altamente manipolabile e plasmabile, che ci circonda, ci condiziona e ci emoziona, veicolando i nostri sentimenti e stati d’animo: la luce è una delle grandi componenti emotive della nostra percezione estetica. Attraverso la sperimentazione tra luce e materia è possibile osservare le diverse possibilità combinatorie dei materiali e constatare che ognuno di essi ha al suo interno molte altre composizioni, formate da diverse sovrapposizioni, che spesso ricalcano combinazioni e accostamenti delle gradazioni cromatiche.

Sabato 2 marzo 9.30-12.30 PAESAGGI DI LUCE
Immergersi in scenari di luce e ombra, riflettere sulle qualità inaspettate della materia in relazione a diversi fonti di luce, materiali specchianti-riflettenti e strumentazioni scientifico-tecnologiche per immergersi in paesaggi di luce, realizzare combinazioni, composizioni, sovrapposizioni e proiezioni materiche. Infine si indagheranno le qualità dei diversi materiali in relazione alle forma, alla trama, alla trasparenza, al colore per creare vere e proprie carte d’identità dei materiali.

Sabato 23 marzo 9.30-12.30 CATTURARE LA LUCE
Scoprire riflessi, rifrazioni, scomposizioni, ribaltamenti e propagazioni della luce, mediante la ricerca e la selezione di materiali “amici della luce”, così definiti in relazione alle loro qualità di opacità, trasparenza, rifrazione per creare un personale e originale kit di “cattura-luce” da sperimentare nei propri servizi educativi, per attivare dialoghi e ricerche su fenomeni scientifici mediante il gioco. Inoltre sarà possibile sperimentare come la fotografia catturi la luce: sarà possibile scrivere con la luce utilizzando torce, il corpo, la macchina fotografica e il tempo.

NARRAZIONI IN LUCE a cura di Macinapepe Narrare, raccontare significa non solo presentare ciò che è o accade ma aprire una finestra, richiamare uno sguardo, creare un nuovo pensiero, immaginare ciò che potrebbe accadere. Sono tante le strade per fare proprio lo strumento del racconto, sono tanti i linguaggi utili per comprendere ed entrare in relazione con gli altri, con l’altro fuori di noi.

Sabato 6 aprile dalle 9.30-12.30 DIALOGHI CON LA LUCE
La luce ha tante caratteristiche, una tra tutte, quella di riuscire a focalizzare e attrarre l’attenzione su ciò che colpisce. Nei musei, negli spazi allestiti, a teatro, sul palcoscenico la luce rende protagonista ciò che illumina. E se facessimo dialogare la materia, gli oggetti con essa? Cosa potrebbe accadere?

Sabato 4 maggio dalle 9.30-12.30 RACCONTI IN OMBRA Conoscere le possibilità del buio, assenza di luce, per poi esplorare le “zone limite”, dove i due contrari si fondono, creando la penombra. Scoprire il mondo delle ombre: ombre che evocano, ombre leggere e pesanti, figure intermedie tra luce e buio, capaci di raddoppiare le dimensioni delle cose, di nascondere dettagli o ingigantire particolari, di trasformare in altro o di trasformarsi in altri. Mettere questo delicato linguaggio al servizio della narrazione, sperimentare l’azione in luce ed il suo contrario, la fissità.

CHI SIAMO
Il percorso nasce dalla collaborazione tra il Centro ReMida Bologna_Terre d’Acqua e la compagnia Macinapepe e si svolge all’interno di ReMida, in particolare negli Atelier-Stanze di ricerca, luoghi pensati per indagare, comprendere e fare esperienza dei diversi linguaggi espressivi e dei differenti materiali. ReMida Bologna Terre d’Acqua è un Centro di Riuso Creativo dei Materiali di Scarto Aziendale che raccoglie al suo interno i materiali ricavati dalle rimanenze e dagli scarti della produzione industriale ed artigianale, valorizzando così gli errori di produzione, per reinventarne utilizzo e funzione.
Da anni si occupa di percorsi educativi e formativi volti alla sperimentazione delle potenzialità espressive dei materiali di scarto aziendale, invitando a guardarli da diversi punti di vista per raccogliere così spunti progettuali per l’allestimento di contesti di apprendimento plurimi.

Macinapepe è una compagnia composta da professionalità diverse impegnante nella diffusione di un modello di didattica alternativo in cui il dubbio è una scintilla che aiuta l’interpretazione della realtà, in cui le domande hanno più rilevanza delle risposte, in cui si difende e si sviluppa la diversità come motore di continuo cambiamento.La compagnia crede nell’utilizzo del “ mondo delle ombre” come mondo nuovo, da esplorare e rielaborare in totale libertà, lontani da schemi prefissati, lontani da regole conosciute.
La compagnia porta avanti da anni questa silenziosa rivoluzione in ombra con spettacoli ed eventi per bambini ed adulti in tutta Italia, lavorando a contatto con le librerie specializzate per l’infanzia, le scuole e i festival di teatro.

CONTRIBUTO
– per partecipare è necessario associarsi all’Associazione Funamboli che gestisce ReMida (per le NORME LEGISLATIVE vigenti , D.P.R. del 1986, n° 917, Art. 148). La quota associativa è di 10 euro, ha durata annuale da settembre ad agosto, è una tessera ARCI che consente l’entrata in tutti i Circoli che aderiscono.

– il costo di ogni singolo incontro di formazione è di 40 euro. Per chi vuole frequentare tutto il ciclo di 4 incontri il costo dell’intero pacchetto è di 130 euro.

MODALITÀ DI ISCRIZIONE
Per iscriversi è necessario inviare una mail a prenotazioni@remidabologna.it, specificando nome, cognome, recapito telefonico ed e-mail. Una volta ricevuta una nostra mail con la conferma d’iscrizione al corso scelto è necessario effettuare il pagamento tramite bonifico bancario intestato a: Associazione Funamboli IBAN IT 86 T 01030 02401 000063153927 Banca Monte dei Paschi di Siena, Filiale di Bologna agenzia 11- via Aurelio Saffi, 10/A.
La ricevuta dell’effettuato versamento della quota d’iscrizione dovrà essere trasmessa, come allegato, via e-mail all’indirizzo prenotazioni@remidabologna.it, entro 20 giorni dalla conferma di iscrizione, pena esclusione.