News

atelier a casa. esercizi di bellezza a distanza

thumbnail_IMG_0079MODIFICATA

Dentro alle cose dei materiali ci sono tantissime cose che si nascondono. (Eleonora, 5 anni )

Progetto

Ogni cosa, la più semplice e la più comune, è una possibilità, un’occasione di ricerca per risvegliare l’attenzione, rompere con alcuni stereotipi e restituire dignità a ciò che normalmente non viene considerato “gli aspetti più importanti delle cose”, afferma Ludwig Wittgenstein, “risultano spesso nascosti per via della loro semplicità e familiarità”.

Le esperienze di esplorazione che cerchiamo di offrire sono quindi esercizi per rinnovare lo sguardo, stupirsi dell’inatteso perché la trasformazione non è delle cose, ma di chi si approccia ad esse, perché capace di riconoscerne la complessità. La creatività in questo senso non ha a che fare con la creazione, ma con ciò che siamo in grado di vedere.

Il percorso proposto è pensato per bambin*, ragazz*, genitori, nonni insegnanti, babysitter e tutt* coloro che abbiano voglia sperimentare e giocare con la materia, gli oggetti, gli elementi della natura, le proprie mani e i propri pensieri, perché, come diceva Gianni Rodari, “la funzione creatrice dell’immaginazione appartiene all’uomo comune, allo scienziato, al tecnico; è essenziale alle scoperte scientifiche come alla nascita dell’opera d’arte; è addirittura condizione necessaria alla vita quotidiana.

Una proposta che vuole sostenere l’obiettivo 4 dell’Agenda 2030 “Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti” Descrizione, Azioni e condivisione.

Abbiamo suddiviso le esperienze in 4 grandi macro-tematiche, 4 atelier per valorizzare la dimensione estetica, intesa come bisogno primario di ciascuno di noi perché accompagna e orienta le nostre piccole e grandi scelte nel mondo della conoscenza, dando nuova forma e sostanza alle relazioni e alla società.

Ogni atelier è suddiviso in 7 diverse esplorazioni, 7 come i giorni della settimana, 1 esplorazione al giorno: l’esplorazione allena alla lentezza e alla durata, favorendo la capacità di sostare e l’importanza dell’attesa.

Ti consigliamo di svolgere in sequenza, sempre in compagnia di un adulto; sarebbe fantastico se tu potessi avere uno spazio di lavoro dove potere raccogliere le tue esplorazioni, senza doverlo ogni giorno smontare, così da poter seguire il processo delle tue indagini.

Ci piacerebbe che potessi condividere le tue esplorazioni con noi, il materiale raccolto verrà utilizzato per creare una mostra virtuale on-line, per cui fotografa con uno smartphone o un tablet quello che stai scoprendo e inviaci tutto per email a: remidaboterredacqua@gmail.com

IMPORTANTE: non inviare foto in cui appaiano volti di persone per questioni legate alla privacy,

Tematiche
Le 4macro-tematiche che abbiamo scelto (perché abbiamo dovuto scegliere, non vogliono esser esaustive di tutto quello che si può esplorare nel mondo) sono:

1_La grammatica della materia

2_La natura in-forma

3_Trasformazioni di scarti

4_ La città sostenibile

Ciascuna di esse è collegata ad alcuni racconti che sono stati letti da noi e che puoi trovare  sulla nostra pagina di youtube: www.youtube.com/channel/UCQcjZEZxRO6q5iD347vfA ,
sulla nostra pagina facebook www.facebook.com/remidabologna/
sulla pagina  instagram www.instagram.com/remida_bologna/

1_ LA GRAMMATICA DELLA MATERIA

GLI UOMINI A MOTORE, tratto da I Viaggi di Giovannino Perdigiorno di Gianni Rodari 
GLI UOMINI CARTAtratto da I Viaggi di Giovannino Perdigiorno di Gianni Rodari 
GLI UOMINI DI VETROtratto da I Viaggi di Giovannino Perdigiorno di Gianni Rodari 
GLI OMINI DI SPUGNA, storia inventata durante un corso di formazione nel 2011
RICCIOLO DI FERRO.UN’EROE TUTTO D’UN PEZZO, storia inventata durante un corso di formazione nel 201

2. LA NATURA IN-FORMA

Beatrice Alemagna, UN GIORNO DI NIENTE, Topipittori
Germano Zullo, Albertine, GLI UCCELLI, Topipittori
Isabel Minhós Martins, Madalena Matoso, QUANDO SONO NATO, Topipittori

3. TRASFORMAZIONI E METAFORE

Agnese Baruzzi, RICICLAUDIO, Caccole e Coccole

4. LA CITTà SOSTENIBILE

Ho perso il Filo: lettura di alcune delle novelle tratte da “Marcovaldo ovvero Le stagioni in città”  di Italo Calvino. Voce narrante Filippo Lanzi. Le potete ascoltare ogni giorno su www.radioseeeyou.it ogni giorno alle 9.00, 12.00 e 14.30.

Estate, la villeggiatura in panchina 
Estate, un sabato di sole sabbia e sonno
Primavera, la cura delle vespe
Primavera, funghi in città
Autunno, la pietanziera
Autunno, il piccione comunale
Inverno, la città smarrita nella neve